Donne in SaaS: Kelly di CoSchedule
By Natália Mrázová
| 11. Maggio 2022 |
Altro - Donna in Saas
By N. Mrázová Natália Mrázová
| 11 Mag 2022 |

    Donne in SaaS: Kelly di CoSchedule

    illustrazione

    Quando una donna con 20 anni di esperienza nel settore dice che non devi scusarti per avere un’opinione, ascoltala. ” Sentiti sicuro nella consapevolezza che sei pagato per essere presente e attivo in questo dialogo”.

    Con umile disinvoltura, Kelly condivide ciò che ha imparato nel tortuoso percorso che l’ha portata alla sua attuale posizione in CoSchedule. È stato un viaggio per sfuggire ai paragoni con gli ideali della società, accettando il fatto che gli errori sono lezioni su cui costruire e prestando attenzione alla sua anima.

    Puoi presentare te stessa, la tua posizione e l’azienda per cui lavori?

    Il mio nome è Kelly Yanke Deltener, sono il Responsabile del prodotto di CoSchedule. Ho il piacere di essere in questo ruolo da circa 1 anno e mezzo, ma sono con CoSchedule da quasi quattro anni.

    CoSchedule is a marketing software that allows you to organize all your team marketing needs—such as a marketing calendar, automated publishing, shared content creation, team workflows, etc.—in one place.

    Squadra CoSchedule

    Cosa ti ha ispirato o portato ad entrare nel campo SaaS/mondo delle startup tecnologiche?

    Come molte persone in questo campo, mi sono interessato attraverso conoscenti stretti. Nel mio caso, risale alla fine degli anni novanta. Ho avuto la fortuna di incontrare dei fratelli gemelli tecnicamente inclini che avevano bisogno di qualcuno che aiutasse nella gestione dei progetti e nello sviluppo del business per una startup web. Abbiamo intrapreso un viaggio in un’azienda di sviluppo di e-commerce e ho sperimentato l’apprendimento pratico sul business, la gestione dei progetti e la crescita degli individui nelle loro carriere. Nota a margine: dopo qualche anno, ho sposato uno dei miei soci e abbiamo venduto l’azienda.

    Da allora, ho lavorato con incredibili imprenditori nel settore dell’e-commerce dell’aftermarket automobilistico e ho avuto un breve periodo nel software sanitario.Sono lieto di dire che, al momento, mi sono stabilito nella gestione dei prodotti SaaS come passione del mio cuore.

    Hai studiato tecnologia? Pensi che sia importante avere un’educazione tecnologica per ottenere un lavoro in una startup tecnologica?

    NON ho studiato tecnologia e sono sempre aperto su questo fatto. Ho abbandonato l’università quando ho iniziato attivamente la mia carriera con mio marito e suo fratello. Per molto tempo, ho sentito una certa misura di vergogna o di fallimento per non aver finito, anche dopo aver raggiunto il successo nel mio campo e nella comunità..

    Mi sono presa del tempo per esaminare quei sentimenti in modo più logico e mi sono resa contoche mi stavo paragonando a ideali sociali del passato che non si applicavano più a me. Tuttavia, una parte di me voleva ancora finire un po’ di istruzione e continuare ad avere obiettivi di apprendimento. Qualche anno fa, ho deciso di rimettermi in gioco e ho finito la mia laurea online.

    È importante capire che il percorso di ognuno verso il successo è diverso.

    Come donna,può essere particolarmente tortuosa e avere molte curve o persino vicoli ciechi percepiti. Un’educazione tecnologica è certamente utile e importante; tuttavia, mi viene ricordato ogni giorno che le persone che usano i nostri prodotti non hanno lauree in ingegneria informatica. Avere un background, un’esperienza e un’educazione diverse può essere importante quanto una laurea tecnica.

    Qual è stata la sfida più grande per te quando sei entrato nel campo della tecnologia e come sei riuscito a superarla?

    Una delle più grandi lezioni che ho imparato è quanto velocemente si muove la tecnologia. Stare al passo significa essere autodidatti e informati. Capire come si impara e si trattengono meglio le informazioni come individuo è la chiave per impostare se stessi per il successo. Mi sento fortunato che CoSchedule sostenga una cultura di apprendimento continuo.

    Squadra dell'hackathon

    Quale consiglio daresti a te stessa matricola?

    Non devi scusarti per avere un’opinione! La tua prospettiva è importante e apprezzata quanto quella di chiunque altro nella stanza. Sentiti sicuro nella consapevolezza che sei pagato per essere presente e attivo in questo dialogo. Qualsiasi errore enorme che senti di aver appena fatto è molto probabilmente appena percettibile al mondo esterno. Accettare il fatto che gli errori sono lezioni su cui costruire.

    È facile scrivere questo paragrafo ora e crederci, ma mi ci sono voluti più di 20 anni di lavoro in questo settore per farlo con fiducia. Mi piace assolutamente che la cultura dell’azienda per cui lavoro si allinei con i miei valori personali quando si tratta di imparare e crescere. Cerco di dire queste parole a tutti quelli a cui faccio da mentore ogni volta che posso.

    Che tipo di impatto sente nel lavorare in un’industria/ambiente dominato dagli uomini?

    Mi sento incredibilmente privilegiata per aver lavorato con partner maschili premurosi ed equi fin dall’inizio e per tutta la mia carriera.

    Tuttavia, come donna che ha lavorato in questo settore dalla fine degli anni novanta,ho sperimentato la mia giusta quota di condiscendenza, molestie e disinteresse.Ma, per ogni individuo che si è comportato in modo non professionale nei miei confronti, ce ne sono altri 50-100 che non sono stati altro che gentili, cooperativi e responsabili.

    Questi individui superano inequivocabilmente i cattivi. E la marea si è spostata e continua a farlo. Mentre ci sono sacche definite nella nostra industria dove la vecchia guardia è ancora in piedi, le voci delle donne si sentono più spesso.

    Solo il 3% delle donne dice che una carriera nella tecnologia è la loro prima scelta. Perché credi che lavorare in una startup tecnologica o SaaS sia un buon percorso di carriera?

    Questa statistica mi rattrista perchéla nostra industria ha ancora bisogno di più donne per aiutare a risolvere i problemi dei clienti. Penso che una percezione sbagliata che chiunque (non solo le donne) possa avere è che una carriera nella tecnologia o lavorare per una società tecnologica equivalga a una mancanza di creatività, quando è vero il contrario. Lavorare nel SaaS è stata una delle esperienze più passionali e appaganti della mia vita. Non si tratta di semplici lavori d’ufficio!

    Inoltre, una carriera in una startup tecnologica non equivale necessariamente a una laurea in ingegneria informatica. Per esempio, in CoSchedule abbiamo donne che lavorano in ogni parte del nostro business: Progettisti di prodotto, Risorse Umane, Specialisti di Marketing, Customer Experience, Sales Account Executives, ecc. Ognuno di questi individui contribuisce al successo dei nostri utenti e del prodotto.

    Vedi una mancanza di presenza femminile nella tua startup? Se sì, come pensa che questo possa essere cambiato?

    CoSchedule ha lavorato duramente per assumere per migliorare e continuare la nostra cultura fin dal primo giorno. Per questo motivo, le donne hanno sempre fatto parte dell’equazione.

    Non abbiamo una mancanza di presenza femminile ma, come ogni azienda che cresce e cambia, affrontiamo sfide uniche come le dimensioni e la posizione che a volte contribuiscono a una forza lavoro meno diversificata. Ho visto questo naturalmente cambiare nel corso degli anni e sono fiducioso che continuerà a farlo.

    Foto CoS homecoming

    Cosa consiglieresti alle donne che vorrebbero entrare nel campo della tecnologia? C’è del materiale educativo che consiglieresti?

    Nel mio ruolo di product manager, essere in grado di connettermi con i team che fanno il lavoro è stato fondamentale per il successo degli obiettivi della roadmap. Attribuisco questa connessione alla comprensione di come i team fanno il loro lavoro. CoSchedule è agile, quindi tutti i nostri PM hanno una formazione Agile Scrum Master o la certificazione Product Owner. È stato fondamentale per aiutarci a implementare, sostenere e rispettare le cerimonie e i processi del team.

    Libri per le donne che cercano di entrare nell’industria delle startup tecnologiche:

    Le persone che lavorano nelle startup sono di solito molto occupate. Come gestisci l’equilibrio tra lavoro e vita privata? Hai tempo per qualche progetto secondario/passione?

    Fin dai miei primi giorni di gestione dei progetti, ho bevuto l’Agile kool-aid e ho visto le mie ore, giorni e settimane in termini di priorità. Dopo alcune lezioni piuttosto dure nella gestione delle relazioni personali e professionali, ho dovuto imparare a bilanciare in modo appropriato dove spendo la mia energia fisica e mentale.

    In termini semplici,questo significa bloccare il tempo e tenere lo spazio per i progetti e le persone che significano di più per me. Quando le cose sembrano particolarmente frenetiche, uso una penna e un taccuino per aiutare a ordinare la mia giornata. Fissare semplicemente dei limiti e delle aspettative sul proprio tempo può portare equilibrio.

    Infine, raccomando di mettere da parte del tempo per un progetto di passione che non sia un lavoro o che non faccia guadagnare soldi. Fai qualcosa che non fa altro che portarti gioia attraverso la creatività e l’arte. Fai attenzione alla tua anima. Raccoglierai i dividendi attraverso interazioni di qualità con la tua famiglia e i tuoi colleghi.

    Nel caso te la fossi persa, ecco un’altra storia

    immagine ebook

    Iniziativa Donne in SaaS

    Sapevi che solo il 3% delle donne dicono che una carriera nella tecnologia è la loro prima scelta e solo il 5% delle posizioni di leadership nella tecnologia sono occupate da una donna? Con la nostra nuova iniziativa – interviste alle donne in SaaS, vogliamo ispirare più donne a unirsi al settore SaaS e alla tecnologia e combattere i pregiudizi legati alla tecnologia.

    Ogni due settimane, puoi aspettarti interviste con donne ispiratrici che hanno deciso un percorso di carriera nel SaaS. Nel nostro prossimo articolo, parleremo con Arielle di Donut.