17. Maggio 2022 Blog

Donne in SaaS: Catherine di
Intercom

Donne in SaaS Catherine da Intercom

In un settore che lei descrive propizio a concedere un enorme spazio per la crescita lavorativa e per l’esplorazione, questa donna vive del cambiamento costante che scaturisce dal mondo tecnologico. Una parte di quel cambiamento è stato il suo avanzamento nel mondo degli affari, alla guida di una partnership globale all’inizio del 2020…un qualcosa che non avrebbe mai immaginato un decennio fa.

Arrivata a Intercom come fan di lunga data dell’azienda, il viaggio di Catherine non è sempre stato così semplice. I primi dieci anni della sua vita professionale sono trascorsi nel settore dei media. Per molti, un cambio di carriera potrebbe essere stato scoraggiante. Ma Catherine sapeva di essere destinata a un ambiente più dinamico, e ha abbracciato il concetto di carriera avventurosa senza esitazioni.

Salve Catherine, puoi per favore presentarti, descrivere la tua posizione e l’azienda per la quale lavori?

Dirigo il team di partnership globale in Intercom. Il nostro team lavora con due comunità di partner distinte:

  • le nostre app partner, che hanno creato le integrazioni con Intercom
  • i nostri partner di servizio – agenzie, BPO, e società di consulenza che offrono o gestiscono Intercom come parte dei propri servizi ai clienti

Mi sono trasferita in questo team all’inizio del 2020, dopo aver trascorso gli ultimi quattro anni a lavorare sul team aziendale esistente.

Cosa ti ha ispirato o condotto a entrare nel campo SaaS/mondo delle startup tecnologiche?

Prima di unirmi a Intercom, ho trascorso quasi due anni a lavorare per Twitter. Ancora prima, ho trascorso dieci anni a lavorare nelle operazioni multimediali e nelle vendite.

Ma ho sempre avuto la Intercom in cima ai miei pensieri per molti anni prima di unirmi all’azienda. Ho visto i fondatori parlare a un paio di eventi – sono molto conosciuti nell’ambiente tecnologico di Dublino – e io ero un’avida lettrice del loro blog. Ammiravo veramente il contenuto che stavano producendo e la missione aziendale di ‘rendere personale il business su internet’ mi ha davvero colpito, quindi ero entusiasta di avere l’opportunità di diventare uno dei primi ingaggi nel team di vendita di Dublino.

Hai studiato tecnologia? Pensi che sia importante avere un’educazione in ambito tecnologico per ottenere un lavoro in una startup in questo settore?

Ho una laurea di primo livello in Comunicazioni e un master in Gestione dei Media. Entrambe le lauree erano molto radicate nella teoria piuttosto che nella pratica – anche se abbiamo trascorso del tempo sulla tecnologia e la produzione dei media! Studiare comunicazione e media mi ha aiutato a sviluppare delle capacità di scrittura e di comunicazione, così come le abilità di pensiero critico e gestione dei progetti, che mi sono state davvero di aiuto in ogni lavoro che ho avuto fin dai tempi dell’università.

Non penso che per lavorare nel reparto vendite sia fondamentale possedere qualifiche tecniche o aziendali – il team vendite di Intercom possiede un bel mix di persone con lauree in economia, alcuni ex sviluppatori e persone che hanno lavorato in strutture ricettive. Per alcuni ruoli, possedere un’esperienza specifica settoriale è una risorsa, ma spesso è altrettanto importante, se non di più, avere una mentalità aperta alla crescita e forti competenze trasferibili.

Il nostro spirito di gruppo riconosce moltissimo la combinazione vincente di arte e scienza nelle vendite – e mentre le vendite moderne sono basate molto sui dati e richiedono un’efficienza spietata, è ancora estremamente importante la capacità di comunicare con efficacia, di influenzare e di creare contenuti di qualità. Queste tre abilità saranno sicuramente tra le più importanti per un laureato nelle materie umanistiche!

intercom ufficio 4

Qual è stata la sfida più grande per te quando sei entrata nel campo della tecnologia e come sei riuscita a superarla?

Provengo da una parte tradizionale del settore dei media dove il ritmo del cambiamento era molto più lento, sia per quanto riguardava la Ricerca e Sviluppo (R&D) che per il lancio sul mercato. Quando ho saputo che non faceva per me – in effetti, è stato uno dei motivi per cui ho cercato di allontanarmi in primo luogo dal settore tecnologico – è stato comunque un piccolo shock unirmi a un’azienda tecnologica dove il cambiamento è una costante! Ma è stato – e lo è ancora – un ambiente incredibilmente energizzante di cui fare parte, soprattutto in Intercom dove il nostro team è in continua fase di sviluppo e innovazione.

Ripensando al tuo percorso e a come sei arrivata dove sei oggi, c’è qualcosa che cambieresti?

Sono una convinta sostenitrice dei meriti di una carriera avventurosa, come ha detto la famosa Sheryl Sandberg – e anche la mia è stata così finora. Ma ogni lavoro che ho avuto nella mia carriera ha prodotto degli insegnamenti che hanno plasmato le mie competenze e i miei punti di forza – e mi hanno aiutato a riconoscere anche le mie debolezze.

L’unica cosa che avrei cambiato o fatto prima sarebbe stato cercare un mentore quando ho iniziato a pensare di cambiare settore. A volte può essere molto difficile fare un passo indietro nella tua carriera, soprattutto all’inizio – e nuove prospettive e suggerimenti possono essere rivoluzionari.

Solo il 3% delle donne afferma che una carriera nella tecnologia sia stata la loro prima scelta. Perché credi che lavorare in una startup tecnologica o SaaS sia un buon percorso di carriera?

Gli eventi di quest’anno hanno davvero accelerato l’evoluzione del business, e gli strumenti SaaS come Intercom sono assolutamente all’avanguardia in questo cambiamento, in quanto sempre più aziende diventano online.

Di conseguenza, è un ambiente super emozionante nel quale lavorare e c’è un enorme spazio per la crescita, lo sviluppo e l’esplorazione dato che identifichiamo nuove opportunità per aiutare sempre più aziende a costruire relazioni personali con i propri clienti, anche sulla larga scala di internet. E questo vale sia per i team tecnici di Ricerca e Sviluppo che quelli che si interfacciano con i clienti.

intercom ufficio 1

Consiglieresti del materiale didattico alle donne che vogliono entrare nel campo della tecnologia?

Daring Greatly di Brene Brown e Radical Candor di Kim Scott sono stati entrambi dei libri su cui sono tornata più e più volte.

Inoltre, ho appena iniziato a leggere l’autobiografia di Dame Stephanie Shirley, Let it go. È stata una pioniera della tecnologia nel Regno Unito e ha sostenuto cause come il lavoro flessibile e a distanza negli anni ’70. È stata una leader fonte d’ispirazione, che è andata avanti percorrendo nuove strade per le donne laddove nessuna si era mai spinta prima.

Le persone che lavorano nelle startup sono di solito molto occupate. Come gestisci l’equilibrio tra lavoro e vita privata? Hai tempo per dei progetti paralleli o personali?

Il mio tempo al di fuori del lavoro è focalizzato attorno alle mie due figlie! Ogni progetto che affronto negli ultimi tempi riguarda loro e la comunità in cui viviamo, in quanto queste sono le cose più importanti per me. Sto attualmente lavorando con un gruppo di genitori nel nostro settore per lanciare due ‘ciclobus’ per la scuola delle mie figlie, il che è stato un modo divertente per usare al meglio le mie competenze al di fuori del lavoro, avendo anche un impatto positivo sulla nostra comunità.

IN CASO TU L’ABBIA PERSA, ECCO UN’ALTRA STORIA

immagine ebook

Iniziativa Donne in SaaS

Sapevi che solo il 3% delle donne afferma che una carriera nella tecnologia è stata la loro prima scelta e solo il 5% delle posizioni di leadership nella tecnologia sono detenute da una donna? Con la nostra nuova iniziativa – Women in SaaS interviews, vogliamo ispirare più donne a unirsi al campo SaaS e alla tecnologia e combattere i pregiudizi legati alla tecnologia stessa.

Ogni due settimane, ti attendono interviste con donne ispiratrici che hanno deciso di intraprendere un percorso di carriera nel SaaS. Nel nostro prossimo articolo, parleremo con Veronika di ScreenCloud.

CloudTalk