4. Giugno 2022 Blog

Donne in SaaS: Mariana di
noCRM

Donne in SaaS: Mariana di noCRM

Guidando un team di supporto ai clienti da remoto e bilanciando le responsabilità di un nuovo genitore come un’assoluta professionista, questa donna quadrilingue è una forza da non sottovalutare. I primi caotici ma entusiasmanti giorni da startup hanno messo in luce la sua eccezionale versatilità, una qualità che continua a trasparire nel suo lavoro quotidiano.

Mariana non ha mai lasciato che le frontiere le impedissero di seguire la propria strada. Dopo aver lavorato con i fondatori di noCRM per quasi dieci anni, attualmente si è stabilita a Porto, in Portogallo, e la sua posizione all’interno della società di software gestionale è il felice risultato di un lungo percorso iniziato per pura “fortuna”.

Puoi presentare te stessa, la tua posizione e l’azienda per cui lavori?

Ciao! Sono Mariana, 34 anni, metà portoghese e metà brasiliana, ma cresciuta praticamente in tutto il mondo. Non ho mai vissuto nello stesso paese per più di 10 anni e parlo correntemente quattro lingue (portoghese, francese, spagnolo e inglese).

Ho un bambino di due anni e mezzo e lavoro in remoto da Porto (Portogallo) per You Don’t Need a CRM,l’editore del software di gestione dei lead noCRM.io, come direttore del successo dei clienti. Ricopro questa posizione da un anno, ma lavoro con i fondatori da 9,5 anni (prima in Yoolink, poi in You Don’t Need a CRM).

Cosa l’ha ispirata o l’ha portata a entrare nel settore SaaS/nel mondo delle startup tecnologiche?

Sono entrata in questo mondo per “fortuna”. Non stavo cercando di lavorare nel settore tecnologico. Avevo da poco conseguito un master in International Public Management e pensavo che alla fine avrei lavorato per le ONG o per un’organizzazione internazionale, perché era l’unica esperienza che avevo. All’epoca volevo rimanere a Parigi, ma era impossibile trovare un lavoro in quel settore.

Un giorno, guardando le offerte di lavoro, ne ho vista una che mi attirava molto: Account Manager per YoolinkPro, un social network aziendale. Mi è piaciuto molto il meccanismo di candidatura, molto diverso da altri che avevo visto. Nessuna lettera di presentazione, solo 200 parole per spiegare chi siamo e perché siamo adatti a questo lavoro. Sono sempre stata una persona che ama le persone e di sicuro amavo i social network. Perché non provarci? L’ho fatto ed è così che sono entrata nel mondo SaaS/startup, più di nove anni fa.

blog donna in saas team mariana

Ha studiato tecnologia? Ritiene che sia importante avere una formazione tecnologica per trovare lavoro in una startup tecnologica?

No. Ho una laurea in traduzione e interpretariato e un master in gestione pubblica internazionale. Immagino che lavorare in una startup tecnologica (a meno che non ci si candidi per un lavoro nel team tecnologico, ovviamente) non richieda alcuna formazione tecnologica. Basta essere curiosi, proattivi, amanti del lavoro di squadra e, naturalmente, esperti di tecnologia.

Qual è stata la sfida più grande che ha dovuto affrontare quando hai iniziato a lavorare nel mondo tech e come l’hai superata?

Ero al terzo anno, non avevo idea di cosa fosse il mondo del profit e vi sono entrato attraverso una startup tecnologica.

Sono stata la quinta persona a entrare nel team e sono stata assunta per la gestione dei clienti. Quattro mesi dopo il mio ingresso, quando stavo iniziando a sentirmi abbastanza sicura, il mio manager, che lavorava nel settore vendite e marketing, se n’è andato. Così siamo rimasti in quattro, e all’improvviso mi è stato chiesto di occuparmi anche di vendite e marketing… una serie di competenze nuove che ho dovuto imparare sul posto.

È stata una bella sfida! Non ero sicura che sarei mai riuscita a concludere un affare con grandi aziende francesi, finché non ci sono riuscita, dopo soli tre mesi! Non dimenticherò mai quel giorno.

Tutte le sfide iniziali sono state superate con il tempo, soprattutto grazie alla fiducia e al sostegno del resto del team.

Ripensando al suo percorso e a come è arrivata dove è oggi, c’è qualcosa che farebbe diversamente?

Non cambierei nulla. Credo che la vita sia fatta di scelte, e tutte le scelte che fai definiscono il tuo percorso, dal punto di vista professionale e personale. Tutte le decisioni che ho preso mi hanno portata al punto in cui mi trovo oggi: faccio parte di un team fantastico e lavoro per un’azienda straordinaria con grandi valori, svolgendo un lavoro importante per i nostri clienti e con un perfetto equilibrio tra vita professionale e personale.

Quale consiglio darebbe alla sua matricola?

Se dovessi dare un consiglio alla mia matricola, sarebbe lo stesso che do a tutti coloro che entrano in squadra: “Scrivi tutto ciò che è nuovo. Non aver paura di fare domande e di fallire, fa tutto parte del processo di apprendimento”.

blog donna in saas mariana

Come ci si sente a lavorare in un ambiente a predominanza maschile?

Nelle mie precedenti esperienze lavorative (che non sono state molte), era l’esatto contrario. Ero circondata da donne. Ho percepito il sostegno tra le donne, ma anche la competizione.

Quando sono entrata a far parte di questo team nel 2011, sono stata l’unica donna per oltre un anno, ed è stata una “boccata d’aria fresca”.

Lavorare in un ambiente dominato dagli uomini non mi ha dato alcun fastidio. Non sono mai stato considerata inferiore. Tutti ci sostenevamo a vicenda e la concorrenza feroce non esisteva. Credo che l’importante sia l’equilibrio. I compagni di squadra, uomini e donne, sono ugualmente importanti nella costruzione di un team multifunzionale e di successo.

Ha mai avuto degli ostacoli dovuti alla disuguaglianza di genere? É stata in grado di superarli?

Mai. In noCRM siamo tutti trattati allo stesso modo, guadagniamo tutti in base alle nostre responsabilità e abbiamo tutti le stesse opportunità di crescita.

Inoltre, il tempo trascorso in famiglia e la crescita personale sono valorizzati e apprezzati all’interno dell’azienda, e tutti sono trattati allo stesso modo. Non sono mai stata messa da parte quando ero incinta, né sono stata trattata diversamente in quanto madre che doveva uscire prima per andare a prendere mio figlio a scuola o portarlo a visite mediche durante l’orario di lavoro.

Anche se sono l’unica madre della compagnia (gli altri genitori sono padri), è bello vedere che tutti loro sono coinvolti come me nella vita dei loro figli. In particolare quest’anno, durante il blocco della pandemia Covid, ci siamo trovati tutti ad affrontare le stesse difficoltà con i bambini a casa. Non mi sono mai sentita sola, diversa o in una posizione più difficile per il fatto di essere una donna.

Soltanto il 3% delle donne afferma che una carriera nell’ambito tecnologico è la loro prima scelta. Perché ritiene che lavorare in una startup tecnologica o SaaS sia un buon percorso di carriera?

Questa è la mia prima e unica esperienza nel settore SaaS, ed è stata straordinaria. Non posso parlare per tutte le aziende SaaS o le startup tecnologiche, ma da quello che ho condiviso con altre donne (o uomini) all’interno dell’industria tecnologica, abbiamo tutti le stesse sensazioni: è divertente, è stimolante, la tua opinione conta, ti è permesso di fallire, puoi vedere l’impatto diretto del tuo lavoro sulla crescita dell’azienda.

blog donna in saas team mariana

Si nota una mancanza di presenza femminile nella vostra startup? Se sì, come pensa che questo possa essere cambiato??

Non vedo una mancanza di presenza femminile nei team non tecnologici. È abbastanza equilibrato.

Tuttavia, credo che manchi una presenza femminile nel nostro team tecnico! Lo farò sicuramente notare internamente!

Qual è, secondo Lei, il valore aggiunto di avere un maggior numero di collaboratrici in un’azienda tecnologica?

Credo che sia sempre positivo avere un equilibrio tra uomini e donne. Siamo diversi nel modo di pensare, quindi un buon equilibrio non può che essere positivo.

In sostanza, perché il vostro team abbia successo, dovete avere il giusto equilibrio tra uomini e donne per coprire tutte le caratteristiche che portano al successo.

Direi: siamo tutti consapevoli che le donne sono note per essere brave nel multitasking (che è un’abilità eccellente per qualsiasi startup!), e molti studi hanno già dimostrato che le donne hanno un impatto positivo sul successo delle aziende..

Come possono gli uomini supportare le colleghe donne nella loro crescita professionale? Ha avuto esperienza di questo comportamento positivo?

Credo che sia lo stesso sia per gli uomini che per le donne. La sfida consiste nell’individuare in cosa si è veramente bravi, in cosa si ama fare, in cosa ci si appassiona, e nel guidarsi verso questo obiettivo, che si sia uomini o donne.

Come ho detto, ho indossato diversi cappelli nel corso degli anni e il nostro amministratore delegato è stato bravissimo a individuare ciò che mi piaceva davvero fare e in cui ero bravo: essere in contatto con i nostri clienti, renderli felici e avere un percorso di successo con noCRM.

Più che sostenere esclusivamente le donne, la chiave è costruire una cultura di cordialità, inclusività e un ambiente aperto, in cui i membri del team possano condividere le loro idee e le loro intuizioni, supportati da una leadership che garantisca proprietà e fiducia all’intero team.

Cosa consiglierebbe alle donne che desiderano entrare nel settore tecnologico? Ha qualche materiale didattico da suggerire?

Consiglierei loro di farlo! L’industria tecnologica è enorme e, in base a ciò che ho visto in questi 10 anni, posso dire che non ci si annoia mai, si imparano cose nuove ogni singolo giorno e si incontrano persone straordinarie da tutto il mondo. È arricchente, stimolante e c’è sempre spazio per altri!

Consiglio vivamente di andare su LinkedIn, entrare nei gruppi di vostro interesse, fare rete, scrivere post sul blog, partecipare a gruppi di discussione… È facile incontrare persone appassionate e con grandi capacità, sempre pronte a condividere le loro esperienze e ad aiutarvi a crescere.

Se vi occupate di Customer Success, vi consiglio di fare:

Di solito, chi lavora in una startup è molto impegnato. Riesce a trovare un equilibrio tra vita professionale e vita privata? Ha tempo per qualche progetto secondario o per qualche hobby?

“Le persone che lavorano nelle startup sono di solito molto impegnate”, sì, ma questo non significa che debbano fare orari assurdi. Inizio presto la mattina, ma ogni giorno esco alle 17 per andare a prendere mio figlio all’asilo. A volte ci sono momenti più impegnativi durante l’anno, quando ho bisogno di prendere il computer la sera, ma ho ancora tempo per giocare a tennis, fare yoga, giocare con il mio cane e passare del tempo di qualità con il mio bambino di 2,5 anni. Non sempre funziona alla perfezione, ma nella maggior parte dei casi si tratta solo di organizzare il programma della settimana.

Nel caso ve lo siate perso, ecco un’altra storia – Hana di Kontentino

illustrazione e-book

Iniziativa donne nel SaaS

Sapeva che soltanto il 3% delle donne afferma che una carriera nella tecnologia sia una prima scelta, e che solo il 5% delle posizioni di leadership nelle aziende tecnologiche è rappresentato da donne? Con le interviste della nostra iniziativa “Donne nel SaaS”, vogliamo ispirare più donne a unirsi al SaaS e alla tecnologia, e a lottare contro i pregiudizi legati a questo settore.

Ogni due settimane pubblichiamo interviste a donne che hanno scelto una carriera nel SaaS e che ti saranno di ispirazione. Nel prossimo articolo parleremo conKinga di BrainyBees.

CloudTalk