Donne in SaaS: Kinga da Brainy Bees
By Natália Mrázová
| 27. Maggio 2022 |
Altro - Donna in Saas
By N. Mrázová Natália Mrázová
| 27 Mag 2022 |

    Donne in SaaS: Kinga da Brainy
    Bees

    Donne in SaaS: Kinga da Brainy Bees

    La perseveranza in persona, questa imprenditrice ha alle spalle centinaia di progetti per le aziende SaaS – tutti svolti in soli due anni. Una vera e propria testimonianza di cosa si può fare se si affronta il cambiamento a testa alta; la donna che introduciamo oggi non ha ancora compiuto trent’anni, ma sta avendo successo nel mondo tecnologico come una professionista esperta.

    Fondatrice del content marketing e dell’agenzia di pubbliche relazioni Brainy Bees, Kinga ha percorso molte strade. Dopo aver trascorso anni a lavorare nelle agenzie pubblicitarie, sapeva di poter dare di più. Ora, con un team tutto al femminile, sta dimostrando che il binomio donne e tecnologia va di pari passo.

    Puoi per favore presentarti, introdurre la tua posizione e l’azienda per cui lavori?

    Hey! My name is Kinga Edwards and I’m the founder and creative owner of Brainy Bees, a content marketing and PR agency working mainly for SaaS companies. I started the company in August 2018 and, since then, we’ve completed hundreds of projects for SaaS businesses all over the world. I’ve managed to build a great team, but I’m also all hands on deck—because Brainy Bees is my child.

    Cosa ti ha ispirato o condotto nel campo SaaS/mondo delle startup tecnologiche?

    Ho iniziato a lavorare nel marketing all’età di 16 anni, quindi credo che sia sempre stato nel mio sangue. Eppure sapevo di poter fare di più.

    Dopo anni trascorsi nelle agenzie pubblicitarie, volevo mettermi in proprio, quindi ho aiutato qualche app mobile e delle aziende con l’acquisizione dei clienti. Ho anche lavorato nel settore marketing dell’Università di Cambridge mentre vivevo lì. Successivamente mi sono procurata un lavoro part-time per un’azienda Saas, e ho iniziato a costruire un’altra rete più affine a SaaS.

    L’intero percorso relativo al content marketing e alle pubbliche relazioni è stato così emozionante e soddisfacente per me che ho deciso di costruire un ramo di consulenza separato, che si è rivelato essere la decisione migliore della mia vita.

    Hai studiato tecnologia? Pensi che sia importante avere un’istruzione tecnologica per ottenere un lavoro in una startup tecnologica?

    Il mio approccio agli studi è piuttosto vago. Ho in realtà studiato Relazioni Internazionali, e poi Marketing per i miei master – anche se non credo che abbiano contribuito molto al mio attuale lavoro. Se ora dovessi scegliere i miei studi, opterei invece per inglese o tedesco. D’altra parte, non ho dovuto dedicare troppo tempo ai miei studi, e ho potuto facilmente combinarli con il lavoro, il che è stato molto utile per creare la mia esperienza professionale e il portfolio.

    Qual è stata la sfida più grande per te quando sei entrata nel campo della tecnologia e come sei riuscita a superarla?

    Compiendo piccoli passi! Tutto era nuovo, sconosciuto e poteva essere complicato, eppure emozionante! È come entrare in un labirinto; ci sono molti percorsi che puoi prendere, alcuni ti faranno avvicinare all’uscita, altri ti faranno vagare fino a perderti, ma alla fine troverai la via d’uscita. Non c’è nessun modo per superare le sfide eccetto immergerti nel profondo dei tuoi problemi e bramare più conoscenza.

    Ripensando al tuo percorso, a come sei arrivata e dove sei oggi, c’è qualcosa che cambieresti se potessi?

    Credo che tutto accada per una ragione, quindi tutte le cose grandi, buone, cattive e terribili mi hanno reso la persona che sono oggi e hanno portato la mia azienda nel posto in cui dovrebbe essere. Se avessi cambiato anche solo un piccolo elemento del mio percorso, qualcosa sarebbe successa in maniera completamente diversa, ed io ora sarei da qualche altra parte.

    Questa è una delle lezioni che ho imparato: Se fallisci, fallisci per un motivo, e imparerai una lezione che ti renderà solo più forte, più consapevole e semplicemente migliore. Tuttavia se continui ad avere successo, non compiacerti troppo ma continua a lavorare per essere migliore, fornendo più valore e migliorando i tuoi servizi.

    Ho detto a me stessa che non appena mi fossi sentita completamente esausta, avrei lasciato l’azienda. Eppure sono ancora qui da più di due anni e ho continuamente delle nuove idee.

    Quale consiglio daresti a una giovane te stessa?

    Non avere paura dei cambiamenti. Accadono per un motivo, e non hai idea di quanto possano essere buoni se li affronti nella giusta maniera.

    Che tipo di impatto provi nel lavorare in un’industria/ambiente dominato dagli uomini?

    In realtà percepisco supporto e un enorme apprezzamento. La comunità SaaS è come una famiglia. Al contrario di molti settori, è difficile offendersi quando la negatività viene sostituita da una critica costruttiva. Un feedback sfavorevole può buttarti giù, ma alla fine ne sarai grato perché ti aiuterà a migliorare.

    È un settore dominato dagli uomini, sì, ma è anche molto analitico e basato sui dati, non è sempre tutto rose e fiori. Il feedback reciproco può essere molto diretto e andare subito al sodo; è qui che la potenza e la determinazione femminile prendono vita. Se qualcuno mi dice che non posso fare qualcosa, gli rispondo “stai a vedere” invece di arrendermi.

    Hai mai incontrato degli ostacoli che derivano dalla disuguaglianza di genere? Sei stata in grado di superarli?

    Sono veramente fortunata a lavorare con le aziende SaaS, in quanto non ho mai incontrato ostacoli significativi a riguardo. Le persone che lavorano in SaaS pensano e si comportano a livello globale, ed è un ambiente di lavoro di classe, affiatato ma orientato al business. Inoltre, lavoriamo con clienti Saas che non hanno altro che rispetto per le proprie dipendenti e supportano pienamente il loro sviluppo. Voglio credere che l’intera industria sia così.

    Solo il 3% delle donne afferma che una carriera nella tecnologia sia stata la loro prima scelta. Perché credi che lavorare in una startup tecnologica o SaaS sia un buon percorso di carriera?

    È estremamente stimolante e ci sono molte cose che continuano a cambiare, che sono implementate, o che vengono totalmente rimosse dall’oggi al domani. Bisogna tenere d’occhio ogni cosa, e devi sempre guardarti le spalle. A volte può essere estenuante, ma è davvero emozionante! Specialmente quando liberi del potenziale in attività che non avevi mai provato prima. Potresti scoprire qualche nuovo modo per raggiungere il tuo pubblico, o avere un’idea fantastica da perseguire assolutamente anche se sono le due di notte (onestamente, mi è successo qualche notte fa e il risultato è stato grandioso!). Lavorare con SaaS è impegnativo, divertente e si oltrepassano continuamente i limiti.

    Vedi poca presenza femminile nella tua startup? Se sì, come pensi che possa essere cambiato?

    Siamo tutte donne in Brainy Bees. 🙂 A dire il vero, non era stato pianificato, ma è così che è andata a finire! Alcune persone ancora si sorprendono – o mettono in dubbio – che le giovani donne (che non hanno ancora compiuto 30 anni!) possano gestire contenuti tecnici, lavorare su CRO o su cose da nerd per le case di software. Ma siamo in grado di farlo, e ci piace un sacco. Vorrei poter vedere più donne dominare la scena SaaS.

    Qual è il valore aggiunto di avere più colleghe donne in un’azienda tecnologica?

    È difficile da descrivere, ma penso che l’empatia femminile e la sua speciale abilità di farcela nonostante i pregiudizi sia assurda. Penso che le donne siano più calme, in grado di affrontare le crisi, le situazioni spiacevoli e i problemi meglio degli uomini, spesso in modo più professionale mettendo da parte le emozioni. Le donne possono aggiungere ulteriori prospettive a qualsiasi progetto, ecco perché ho sempre incoraggiato gli altri ad assumerle e continuerò a farlo.

    In che modo possiamo supportare le colleghe a crescere professionalmente? Hai assistito di persona a questo atteggiamento positivo?

    Purtroppo, non ho avuto molti esempi da seguire in questo campo, quindi ho fissato degli obiettivi per me stessa. Mi ricordo della mia esperienza quando lavoravo a Cambridge, dove la cultura del lavoro e l’approccio alla diversità erano semplicemente fantastici, e sto provando a fare lo stesso nella mia organizzazione.

    Cosa consiglieresti alle donne che vogliono entrare nel campo della tecnologia? C’è qualche materiale didattico che vorresti consigliare?

    Non sono una grande fan di iniziative “per sole donne”, perché secondo me molte tra queste evidenziano solamente i confini ancora visibili tra gli uomini e le donne. Affronta tutto normalmente. Studia su “normali” libri di economia per diventare più competitiva.

    Quanto ai libri, consiglierei di dare un’occhiata a:

    Per finalità di contenuto, consiglierei They Ask, You Answer.

    Impara dai migliori del tuo settore, e non ti preoccupare se non sono donne! Se vogliamo scuotere un settore dominato dagli uomini, non possiamo rimanere bloccate in una bolla per sole donne. 🙂

    Le persone che lavorano nelle startup sono di solito molto occupate. Come gestisci l’equilibrio tra lavoro e vita privata? Trovi del tempo per dei progetti paralleli/passioni?

    L’equilibrio tra lavoro e vita privata è estremamente importante e l’ho capito solo dopo anni spesi a lavorare fino a tardi, quando mi davo da fare come se non ci fosse un domani. Il giorno seguente ci sarà ancora più lavoro da svolgere, perciò hai bisogno di essere riposata, non stressata o stanca morta. 😉

    Mi sto appassionando sempre più al settore della birra artigianale. Con le mie colleghe abbiamo persino realizzato recentemente la nostra prima birra fatta in casa, quindi non sorprenderti se un giorno vedrai il logo Brainy Beers nel negozio!

    In caso l’avessi persa, abbiamo un’altra storia – Mariana da noCRM

    Donne nell’iniziativa SaaS

    Sapevi che solo il 3% delle donne afferma che una carriera nella tecnologia sia stata la loro prima scelta e solo il 5% delle posizioni di leadership nella tecnologia sono detenute da una donna? Con la nostra nuova iniziativa – interviste alle donne in SaaS, vogliamo ispirare più donne a unirsi al settore SaaS e alla tecnologia e combattere i pregiudizi legati alla tecnologia stessa.

    Ogni due settimane, ti attendono interviste con donne ispiratrici che hanno deciso un percorso di carriera nel SaaS. Nel nostro prossimo articolo, parleremo con Jessica da Integromat.