9. Maggio 2022 Blog

Donne in SaaS: Patricia di
Exponea

Patricia Perknovska Exponea

L’ispirazione può assumere forme inaspettate, come un potenziale acquirente della tua auto che ti guida verso il tuo futuro di capo delle vendite CEE. Ma ‘posto giusto, momento giusto’ può solo indicare una porta. Per fortuna, questa donna appassionata ha avuto il coraggio di aprirlo, e di guadagnarsi tutto quello che è venuto dopo.

Essendo stata con Exponea fin dai suoi primi giorni, Patricia sapeva che la piattaforma di dati dei clienti stava facendo strada. L’azienda le permetteva di avere un impatto visibile, quindi ha dato il massimo mentre saliva di grado. Ma il tuo consiglio a te stessa più giovane? “Calmati e trovati un hobby”.

Puoi presentarti, la tua posizione e l’azienda per cui lavori? Da quanto tempo ricopre questa posizione?

Mi chiamo Patricia e sono la responsabile delle vendite per l’Europa centrale e orientale di Exponea, l’azienda con sede in Slovacchia fondata nel 2015 e che ora opera a livello globale con un team di oltre 220 persone. Exponea fornisce una piattaforma di dati dei clienti end-to-end leader che infonde all’esperienza del cliente rilevanza, personalizzazione e valore senza limiti in pochissimo tempo.

Sono entrato in Exponea quasi 4 anni fa, diventando così il dipendente numero 43 e il primo Field Sales Manager per la Slovacchia e la Repubblica Ceca. Dopo un anno nel ruolo, sono passato alla gestione delle partnership e, poco dopo e con la crescita del team, sono diventato responsabile della regione CEE.

Cosa ti ha ispirato o portato ad entrare nel campo SaaS/mondo delle startup tecnologiche?

Per essere del tutto onesto, entrare a far parte del mondo SaaS/tech startup non è mai stato tra i miei obiettivi. È successo per una bella coincidenza quando ho incontrato una persona del mondo tecnologico, un uomo che voleva comprare la mia auto. Non ha comprato l’auto ma, invece, mi ha parlato di questa nuova startup SaaS dove stava costruendo un team di vendita. Ed è così che ci sono entrata.

In precedenza, ho lavorato come Regional Account Manager in una società tecnologica per oltre 4 anni. Anche se mi piaceva quello che facevo, sentivo che avevo bisogno di un cambiamento. Volevo avere un impatto maggiore sia sulle imprese a cui sto vendendo che sull’azienda in cui sto lavorando. Diventare parte di Exponea mi ha permesso di fare entrambe le cose. Quindi dove sono ora è solo il risultato di essere nel posto giusto al momento giusto e di aver incontrato la persona giusta.

Hai studiato tecnologia? Pensi che sia importante avere un’educazione tecnologica per ottenere un lavoro in una startup tecnologica?

Dipende molto dal ruolo per cui ci si candida. Per un ruolo molto tecnico, come un ingegnere di prodotto, una formazione tecnica è molto importante. Tuttavia, ci sono vari ruoli nel campo che sono aperti a persone senza una formazione tecnica.

Ho studiato Business Management e ho ottenuto un master in Global Marketing. Quando sono entrato nella tech corporation come fresco laureato, non avevo alcuna idea della tecnologia. Ero persa; non sapevo cosa significasse VPN e cosa facesse. Eppure, sono riuscito a fare bene il lavoro e a crescere. Penso che la chiave del successo sia l’atteggiamento, la volontà di imparare e il buon senso. È facile arrendersi quando non si capisce qualcosa, ma se sei pronto per la sfida e non hai paura delle cose nuove in un ambiente in costante evoluzione, hai una grande possibilità di avere successo in questo mondo.

Qual è stata la sfida più grande per te quando sei entrata nel campo della tecnologia e come sei riuscito a superarla?

Dato che non avevo un background tecnico, la mia più grande sfida era capire il linguaggio e la soluzione stessa.

Ho studiato abbastanza intensamente da solo, seguito da un sacco di domande e risposte con i miei colleghi più esperti di tecnologia. Ma ciò che mi ha aiutato di più è stato parlare con il team orientato al cliente, così come con i clienti stessi. Ho ascoltato le principali sfide di business che affrontano, imparando l’applicazione reale della nostra soluzione e i benefici che porta. Questo mi ha aiutato molto a capire la tecnologia stessa e il suo valore sul mercato.

Il mondo della tecnologia è sempre in evoluzione e in cambiamento; lo status quo è sfidato ogni singolo giorno. Non aspettarti di sapere tutto. La chiave è stare vicino alla comunità (colleghi, clienti, utenti) e continuare a parlare con loro, rimanendo così nel giro e aggiornati.

Ripensando al tuo viaggio e a come sei arrivato dove sei oggi, c’è qualcosa che cambieresti se potessi?

Mi piace moltoapprezzare tutto ciò che mi capita. Vedo le sfide e i momenti difficili come qualcosa che può rendermi più forte, che può insegnarmi e aiutarmi a crescere personalmente e/o professionalmente – anche se questo approccio può risultare difficile all’inizio. Detto questo, non cambierei nulla.

Sono stato molto fortunato a circondarmi di persone ispiratrici durante la mia vita professionale e i miei studi. Sono stati dei modelli, aiutandomi ad arrivare dove sono ora.

Quale consiglio daresti alla tua matricola?

Calmati e trovati un hobby. Sono una persona che si sforza di essere la migliore, di eccellere in tutto. Tuttavia, all’inizio della mia vita professionale, non avevo limiti. Pensavo che avrei potuto eccellere solo se avessi lavorato 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Grosso errore! Questa mentalità ha portato a un paio di burn-out e all’inefficienza. Nessuno può funzionare così a lungo; anche un computer portatile ha bisogno di essere caricato, aggiornato e pulito regolarmente per funzionare bene.

Ci sono momenti, specialmente nelle startup, in cui si deve lavorare a lungo per un certo periodo di tempo e questo va bene. Tuttavia, per mantenere la produttività a lungo termine, si deve avere qualcosa dove si può spegnere e ricaricare.

Solo il 3% delle donne dice che una carriera nella tecnologia è la loro prima scelta. Perché crede che lavorare in una startup tecnologica o SaaS sia un buon percorso di carriera?

Una startup tecnologica è un ambiente molto dinamico, che cresce ad un ritmo molto veloce, con un grande futuro davanti, specialmente adesso. È molto complesso e può essere spaventoso all’inizio, ma una volta capito il modello di business dato e il valore che porta agli utenti/clienti, si può navigare molto facilmente nel complicato mondo che offre un numero infinito di opportunità di carriera.

Vedi una mancanza di presenza femminile nella tua startup? Se sì, come pensa che questo possa essere cambiato?

In realtà, non è così. Infatti, le donne rappresentano quasi il 50% della leadership in Exponea, un numero che parla per tutti.

Exponea ci tiene molto a trattare le donne allo stesso modo, a sostenere la diversità e a valorizzare l’opinione di tutti. So che questo non è lo standard nel mondo della tecnologia, ed è per questo che mi sento molto fortunata a far parte di questa azienda e a poter interagire con le donne ispiratrici che fanno parte della leadership, dell’ingegneria, del servizio clienti, dei team di sicurezza, ecc.

patricia exponea

Come possono i compagni di squadra uomini sostenere le loro colleghe a crescere professionalmente? E ha un’esperienza diretta di questo comportamento positivo?

Francamente, Non credo che si tratti di maschi che sostengono le compagne di squadra. Dovrebbe andare in entrambe le direzioni. Dovremmo tutti sostenerci a vicenda e imparare gli uni dagli altri. Senza questo, l’azienda non può crescere e prosperare, e nemmeno noi come individui.

Penso che la chiave sia essere aperti alle opinioni e ai feedback degli altri. Ognuno di noi è diverso in qualche modo, il che è assolutamente sorprendente; queste differenze offrono punti di vista alternativi o approcci a certi problemi.

Le persone che lavorano nelle startup sono di solito molto occupate. Come gestisce l’equilibrio tra lavoro e vita privata? Hai tempo per qualche progetto secondario/passione?

Mi sembra che tutti siano molto occupati al giorno d’oggi. Ma a dire il vero, le startup richiedono quella flessibilità in più, giornate lunghe e weekend di lavoro occasionali. Sono molto appassionato di quello che faccio, quindi non mi dispiace molto, anche se, essendo maturato, ora capisco l’importanza di mantenere un sano equilibrio tra tutto quello che faccio, compreso il lavoro e la mia vita personale.

Ho diversi strumenti per mantenere questo equilibrio, ma il mio più grande aiutante in questa materia è il mio cane. Grazie a lei, non ho altra scelta che uscire nella foresta ogni singolo giorno, il che mi dà almeno un’ora di silenzio assoluto. Questo è il momento in cui mi spengo completamente e mi preparo per qualsiasi nuova sfida che mi aspetta.

Nel caso te la fossi persa, ecco un’altra storia

Illustrazione dei telefoni da scrivania

Iniziativa Donne in SaaS

Sapevi che solo il 3% delle donne dicono che una carriera nella tecnologia è la loro prima scelta e solo il 5% delle posizioni di leadership nella tecnologia sono occupate da una donna? Con la nostra nuova iniziativa – Women in SaaS interviews,vogliamo ispirare più donne a unirsi al campo SaaS e alla tecnologia e combattere i pregiudizi legati alla tecnologia.

Ogni due settimane, puoi aspettarti interviste con donne ispiratrici che hanno deciso un percorso di carriera nel SaaS. Nel nostro prossimo articolo, parleremo con Kelly Yanke Deltener di CoSchedule.

CloudTalk