Donne nel SaaS: Arielle di Donut
By Natália Mrázová
| 17. Maggio 2022 |
Altro - Donna in Saas
By N. Mrázová Natália Mrázová
| 17 Mag 2022 |

    Donne nel SaaS: Arielle di Donut

    Illustrazione ArielleShipper Donut

    Entrare nel mondo della tecnologia non è un compito facile. Passare dal mondo gerarchico dell’editoria a quello caotico delle startup comporta un flusso incessante di sorprese e sfide che questa donna ha affrontato con grande abilità.

    Come responsabile delle operazioni con i clienti di Donut, Arielle si è guadagnata la leadership dell’azienda grazie a grinta, versatilità ed eccellenza. Condividendo ciò che ha imparato lungo il cammino, ci ricorda che l’umiltà non è l’opposto della sicurezza.

    Può presentare se stesso, la sua posizione e l’azienda per cui lavora?

    Ciao CloudTalk! Grazie per aver condiviso il microfono con le donne del settore tecnologico. Sono Arielle Shipper, responsabile delle operazioni con i clienti di Donut. Sono stato il primo dipendente e sono entrato in azienda tre anni e mezzo fa, quindi ho avuto la fortuna di indossare molti cappelli. Da quando sono in Donut, mi sono occupata di tutto, dagli sprint di prodotto ai lanci stampa, fino all’assistenza clienti.

    blog immagine donna in saas

    Cosa ti ha ispirata o portata a entrare nel settore SaaS/nel mondo delle startup tecnologiche?

    Ho iniziato la mia carriera nell’editoria (cartacea!) e, dopo qualche anno,ho sentito di volere un ambiente più veloce, al passo con i cambiamenti del mercato e con l’evoluzione della tecnologia.

    Mio fratello mi ha fatto interessare a questa cosa chiamata startup e mi ha fatto conoscere alcune persone che hanno condiviso le loro esperienze. Una volta che mi sono fatta un’idea delle opportunità che c’erano, non mi sono più guardata indietro.

    Hai studiato tecnologia? Ritieni che sia importante avere una formazione tecnologica per trovare lavoro in una startup tecnologica?

    Sono l’orgoglioso destinatario di una vecchia laurea in arti liberali e la mia unica formazione formale in campo tecnologico è avvenuta sotto forma di corsi part-time per adultiche ho seguito come post-laurea in sviluppo web front-end e analisi dei dati.

    Sebbene non abbia imparato a scuola l’uso di SQL o i fondamenti di un’azienda SaaS, posso affermare che Ho imparato molte altre abilità utili che sono state i mattoni per l’acquisizione di competenze tecnologiche: come pensare in modo critico e creativo, come porre domande ponderate, come imparare rapidamente e come comunicare efficacemente.

    Penso che la formazione tecnologica – di qualsiasi tipo, non solo una laurea quadriennale – possa essere utile, soprattutto per ruoli molto tecnici come lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, ma non è l’unica strada. Ci sono così tante persone incredibilmente talentuose e competenti che sono autodidatte o hanno imparato sul campo.

    È anche importante ricordare che gli ingegneri e i data scientist non sono gli unici ruoli nelle aziende tecnologiche. Sono importanti, ma lo sono anche i team che si occupano di assistenza clienti, vendite, marketing, design, ecc. Un’azienda non può funzionare con successo senza tutti questi ruoli.

    Ripensando al suo percorso e a come è arrivato al punto in cui si trova oggi, c’è qualcosa che cambierebbe se potesse?

    Che bella domanda! È un po’ difficile da articolare, ma credo che la cosa che cambierei è essere meno deferenti. L’editoria era molto rigidamente gerarchica, il che ha generato alcune tendenze a rimanere nella propria corsia che ho avuto difficoltà a superare. In questi anni, ci sono state questioni di business o di obiettivi che non ho affrontato, o stanze in cui ho pensato di non essere adatto, e questo probabilmente ha ostacolato la mia crescita a volte.

    Cerco sempre di ricordare a me stessa che l’umiltà non è l’opposto della sicurezza. Se affronto il mio lavoro con un’etica che comprende onestà, dedizione e apertura mentale, questo mi dà il diritto di fare domande, esprimere opinioni e dare suggerimenti.

    Quale consiglio darebbe a se stessa matricola?

    Per fortuna non ho dovuto darmelo. Mentre imparavo a conoscere il mondo professionale a partire dalle scuole superiori e durante l’università, mio nonno mi diede due consigli che mi sono rimasti impressi:

    #1: Se non si chiede, non si ottiene. In altre parole, non puoi aspettare che il mondo ti dia qualcosa, devi chiederlo. Chiedi con gentilezza, con giudizio e preparati con motivazioni adeguate, ma non avere paura di chiedere.

    #2: Le trattative di maggior successo sono quelle in cui nessuna delle due parti è completamente soddisfatta. Significa che è stato raggiunto un vero compromesso e che non si è trattato di un accordo “chi vince prende tutto”.

    Che tipo di impatto ha il fatto di lavorare in un settore/ambiente dominato dagli uomini?

    Ho la fortuna di lavorare per aziende che apprezzano l’inclusività di tutti i tipi (non solo di genere), ma questa è in parte fortuna e in parte azione intenzionale. Durante i colloqui di lavoro, ho cercato aziende che riconoscessero l’esistenza del sessismo e del razzismo sistemico e si impegnassero per creare ambienti di lavoro più equi. Ho anche cercato specificamente la leadership femminile all’interno di un’azienda, il che è un indizio delle opportunità di crescitae di mentorship che potrebbero essere disponibili per me come dipendente.

    foto Donne nel SaaS: Arielle di Donut 2

    Non voglio mentire e dire che sia tutto rose e fiori; ho avuto la mia parte di sindrome dell’impostore, momenti shock e momenti di vero e proprio “Ma davvero?”, ma ho cercato di incanalare queste frustrazioni nella sponsorizzazione e nell’apertura di porte per altre donne o persone sottorappresentate nel settore tecnologico. vedremo un cambiamento solo se diversificheremo i posti a tavola.

    Ha incontrato ostacoli derivanti dalla disuguaglianza di genere?

    Ho sicuramente sperimentato sia i privilegi che le sfide del lavoro nel settore tecnologico. Un momento memorabile: Durante un colloquio, l’uomo che mi stava intervistando ha guardato il mio anello di fidanzamento e ha detto qualcosa del tipo: “Vedo che hai qualcuno che si prende cura di te a casa, quindi lo stipendio non dovrebbe essere un problema”.

    Non è il migliore, il peggiore o l’unico esempio di disuguaglianza di genere in circolazione, ma è un momento che ha avuto un impatto profondo.

    Vedi una mancanza di presenza femminile nella tua startup? Se sì, come pensa che si possa cambiare?

    Sebbene la diversità di genere sia solo una delle metriche a cui teniamo, il nostro capo ingegnere, il capo prodotto e il capo delle operazioni con i clienti (io!) sono tutte donne – quindi no! Devo dire che non siamo arrivati per caso a questo tipo di rappresentanza femminile nella leadership e nell’azienda in generale (Donut ha più del 50% di donne). Detto questo, abbiamo ancora molta strada da fare in termini di altre dimensioni della diversità.

    Abbiamo dedicato tempo e sforzi a pratiche di assunzione inclusive che valorizzano tutti i tipi di diversità, non solo quella di genere. Ho anche assistito a molte sponsorizzazioni in Donut e, nonostante le dimensioni ridotte del nostro team, un gruppo di risorse per le donne è stato davvero utile per richiedere supporto e tutoraggio quando necessario.

    foto Arielle di Donut ritratto

    Qual è, secondo te, il valore aggiunto di avere un maggior numero di collaboratrici in un’azienda tecnologica?

    Il valore della rappresentanza non può essere sopravvalutato. Ha un impatto su tutto, dal modo in cui viene sviluppato un prodotto al tipo di comportamenti che la vostra cultura premia o punisce. Ha anche un profondo impatto sulla traiettoria di carriera.

    C’è un motivo per cui assistere al giuramento della vicepresidente Kamala Harris è stato un momento così importante. Molte donne millennial possono essere cresciute sentendosi dire che possono fare tutto ciò che vogliono, compreso entrare alla Casa Bianca,ma questo non diventa effettivamente una possibilità finché qualcuno non la raggiunge. Il lavoro non si ferma qui, ma quel momento di rappresentazione è comunque una tappa importante.

    Come possono i colleghi uomini sostenere le loro colleghe nella crescita professionale? E hai un’esperienza diretta di questo comportamento positivo?

    Sii un alleato. Riconosci il tuo privilegio e usalo come leva per creare un cambiamento per gli altri. Credo che questo valga per tutti, ma naturalmente si tratta di un passo fondamentale per creare un ambiente inclusivo per le donne nel settore tecnologico.

    Ho avuto la fortuna di sperimentare alcuni buoni esempi di alleanza. Un esempio recente: Ho fatto un colloquio informativo congiunto con un leader maschile di Donut e un candidato esterno. Quel Il candidato è stato francamente accondiscendente e, in diversi modi, ha fatto capire di ritenermi irrilevante per la decisione in corso. Il mio interlocutore lo ha riconosciuto subitodopo la telefonata, ha indicato i modi specifici in cui erano stati offensivi e condiscendenti, e si è offerto di seguirli (e anche di dare loro un feedback costruttivo) in modo da non dover più interagire con loro.

    Hai un consiglio su alcuni libri/blog/podcast/ donne ispiratrici o organizzazioni?

    Si’! L’ispirazione è tanta e meravigliosa, ma qui ci sono tre risorse da tenere bene a mente.

    Brené Brownè docente di ricerca sulla vergogna, la vulnerabilità e il coraggio. Mi ha ispirato a tornare in terapia ed è stata una grande fonte di ispirazione quando ho assunto una posizione di leadership. Se preferisci leggere, dai un’occhiata a “I doni dell’imperfezione” o a “Osare la leadership”. Se preferisci ascoltare, prova il suo podcast Unlocking Us. E se ti piace guardare,Brené Brown: Trovare il coraggio è il mio speciale preferito su Netflix.

    Tressie McMillan Cottom è una professoressa e sociologa che parla con franchezza di disuguaglianza, tecnologia e cultura. Thick and Other Essays è stato finalista al National Book Award 2019 ed è un’analisi splendidamente scritta di razza, genere e capitalismo che ha aperto gli occhi. Anche il suoaccount Twitterè assolutamente da seguire.

    Roxane Gay, Lindy Nash, Kara Swisher, Austin Channing Brown: tutti straordinari e degni di attenzione. Potrei continuare per pagine e pagine.

    Per quanto riguarda le organizzazioni, ho fatto volontariato per Wave, che offre mentorship a studenti donne e non binari che vogliono entrare nel mondo della tecnologia. Ho incontrato persone gentili, brillanti, super intelligenti e determinate grazie a questo programma e lo raccomando a chiunque voglia contribuire alla diversificazione del settore tecnologico.

    Nel caso te lo fossi perso, ecco un’altra storia – Kelly di Coschedule

    Immagine messaggi

    Iniziativa Donne in SaaS

    Lo sapevi che solo il 3% delle donne dichiara che una carriera nella tecnologia è la sua prima scelta e che solo il 5% delle posizioni di leadership nella tecnologia è occupato da una donna? Con la nostra nuova iniziativa – Women in SaaS interviews – vogliamo ispirare un maggior numero di donne a entrare nel settore SaaS e nella tecnologia e combattere i pregiudizi legati alla tecnologia.

    Ogni due settimane, potrai assistere a interviste con donne ispirate che hanno deciso di intraprendere un percorso di carriera nel settore SaaS. Nel prossimo articolo parleremo con Anna di Leadfeeder.